<
Dicembre 2018
>

"Una Mimosa per l' Ambiente"il premio istituito da ADA Onlus-associazione donne ambientaliste

Parma, PR, Italia
"Una Mimosa per l' Ambiente"il  premio istituito  da ADA Onlus-associazione donne ambientaliste

Sabato 24 marzo alle ore 16.30 a Parma a Palazzo Soragna in strada al Ponte Caprazucca 6/a, l’Associazione donne ambientaliste ADA Onlus invita alla Cerimonia di consegna del Premio “Una Mimosa per l’Ambiente” 28^ edizione. L’ evento si inserisce nel calendario di iniziative “Trenta giorni in città per raccontare le donne” con il Patrocinio del Comune di Parma. In occasione della Festa della donna viene premiata ogni anno una figura femminile che si sia distinta nella divulgazione e nel sostegno delle tematiche ambientali. L’ edizione 2018 ha tra i suoi temi il rapporto tra natura, scienza e tecnologia. La spilla d’oro a forma di rametto di mimosa verrà assegnata a Barbara Mazzolai , biologa con dottorato in Ingegneria dei Microsistemi che è attualmente Direttrice del Centro di Micro-BioRobotica a Pontedera dell’ Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. La motivazione del Premio è “per aver aperto con genialità e passione nuove frontiere alla ricerca ambientale fondendo natura, scienza e tecnologia al fine di affrontare le sfide poste dal futuro”. Barbara Mazzolai è ideatrice e guida del progetto PLANTOID finanziato dalla Commissione Europea, primo progetto a livello mondiale per lo sviluppo di un robot ispirato alle piante, in grado di esplorare il suolo con utilizzi nel monitoraggio dell’ ambiente, nella ricerca di acqua , minerali e inquinanti e per il controllo degli alimenti, con possibili future applicazioni in campo spaziale, nelle tecniche di salvataggio e in medicina per una diagnostica endoscopica non invasiva. Converseranno con la premiata Nicla Panciera giornalista scientifica e Rosalba Lispi presidente di ADA Onlus. Il premio “Una Mimosa per l’Ambiente” si avvale del sostegno di Pier & Pier laboratorio orafo, Profumeria Gianfranca e dell’ospitalità gentilmente concessa dall’Unione Parmense degli Industriali.

Forse ti potrebbero interessare: