Ultime News
DOMENICA 21 OTTOBRE, causa interruzione del servizio di energia elettrica, Palazzo Bossi Bocchi resterà chiuso DOMENICA 21 OTTOBRE, causa interruzione del servizio di energia elettrica, Palazzo Bossi Bocchi resterà chiuso
<
Ottobre 2018
>

Tra impossibile e possibile: narrazione e cambiamento Al via l'ottava edizione della rassegna "DoloreInBellezza"

Parma, PR, Italia
Tra impossibile e possibile: narrazione e cambiamento  Al via l'ottava edizione della rassegna "DoloreInBellezza"

Dal 6 aprile al 7 giugno, 4 incontri per esplorare la sofferenza e i percorsi per superarla Un’iniziativa di Azienda USL e Università, in collaborazione con gli Istituti Penitenziari di Parma

Tema di questa ottava edizione è la tensione tra possibile e impossibile dentro le biografie individuali e collettive: da un lato l’apparenza e l’illusione del “tutto è possibile”, offerto dalle tecnologie e dalle immagini, dall’altro la crescente insoddisfazione, la sensazione collettiva che il cam­biamento dell’ordine sociale sia “impossibile”.  La “narrazione di sé” diventa uno strumento potente per dare forma a questo disordine, dargli un significato, per comprendere, per trasmettere agli altri e per facilitare processi di cambiamento, personale e sociale.

 programma:

 il 7 giugno dalle 9.30 alle 13 agli Istituti Penitenziari di Parma, performance “Scrivere di sé”, con detenuti e studenti dei gruppi di scrittura a cura di Carla Chiappini, giornalista Ristretti Orizzonti e Vincenza Pellegrino, sociologa Università di Parma, regia di Vincenzo Picone,reading di Daniele Barbieri, giornalista e scrittore, interviene Duccio Demetrio, direttore scientifico Libera Università dell'Autobiografia di Anghiari. Gli incontri sono moderati da Vincenza Pellegrino e Maria Inglese (AUSL di Parma).

La rassegna è organizzata dal Dipartimento Assistenziale Integrato Salute mentale-Dipendenze patologiche dell'Ausl di Parma e dal Dipartimento Giurisprudenza, Studî politici e internazionali Corso di laurea in Servizio Sociale dell’Università di Parma, in collaborazione con gli Istituti Penitenziari di Parma

Forse ti potrebbero interessare: