Home Eventi Fiere, feste e festival Food e locali Mercatini Under 14 Spettacoli e Cinema Cinema Parma Cinema in provincia Spettacoli Musica classica, sacra e lirica Teatro Tornei, Sport, Natura, Animali Cani, gatti e... Trekking e natura Tornei, giochi e sport Arte e Cultura Arte Incontri e libri Mostre a Parma e provincia Mostre in Emilia Romagna Grandi mostre in Italia Mostre in Italia News, corsi e informazioni utili Promozioni e biglietti

Istantanee di un mondo abbandonato, mostra di Antonio Piazza e Manuela Arcari

Parma - Centro Cinema Lino Ventura, Via Massimo D'Azeglio, Parma, PR, Italia
Istantanee di un mondo abbandonato, mostra di Antonio Piazza e Manuela Arcari

La fotografia dei luoghi è antica quanto la storia della fotografia e ne rappresenta la metà disanimata, mentre la metà incarnata è data dalle immagini dei volti e dei corpi. La prima fotografia conosciuta è fotografia di un luogo. La fotografia dei luoghi ha avuto per lungo tempo a che fare con l’esotico, col non visto, col portare in occidente la memoria congelata delle grandi civiltà della mezzaluna fertile, o dei grandi spazi vuoti del west americano. La fotografia dei luoghi, nella duplice declinazione di architetture e paesaggi, rappresenta il versante più significativo della ricerca fotografica contemporanea (tra Ghirri e Basilico, in Italia). Si tratta in questo caso di guardare in modo nuovo, di una nuova messa in codice di spazi e ambienti a volte fin troppo conosciuti. Nell’incessante ricerca di nuove esperienze di visione e di nuove tematiche si iscrive anche l’Urbex, la urban exploration, praticata da Manuela Arcari e Antonio Piazza, due fotoamatori parmigiani che si sono specializzati nel genere. L’urbex conosce grande fortuna in questi ultimi anni. È pratica che mischia esplorazione, rischio, spirito di avventura, emozione della scoperta e del proibito. I luoghi sono segreti, le proprietà private e abbandonate, quindi si tratta di introdursi furtivamente e in piccoli gruppi in ambienti potenzialmente pericolanti. È una fotografia che spesso ricorre al grandangolo e al tutto a fuoco, a una scrittura visiva che enfatizza la spazialità. Con una volontà iperdescrittiva e onnicomprensiva. E nella ricerca di un tempo sospeso, dove non accade nulla.

Da un punto di vista tematico le fotografie qui presentate sono raggruppabili in tre tipologie principali: architetture industriali, ville, ospedali. Con differenti possibilità evocative: il cemento armato delle costruzioni industriali presuppone possibilità architettoniche e soluzioni spaziali inedite, gli affreschi, i decori delle ville raccontano di uno sfarzo, ospedali e manicomi evocano invece sofferenze. Manuela e Antonio fotografano spesso insieme anche per questioni di sicurezza, dovesse crollare qualcosa durante le perlustrazioni. Non entrano se è necessario rompere porte o finestre, e cercano di non modificare quello che trovano. Se intervengono spostando qualcosa poi rimettono a posto. Sembra esserci da parte di Antonio Piazza una prevalenza dell’aspetto architettonico e scenografico, colto nella sua totalità e spettacolarità, utilizzando quasi sempre la fuga delle linee prospettiche, mentre Manuela Arcari privilegia lo sguardo ravvicinato e intimo sugli oggetti o su nicchie, ed è quasi sempre invece uno sguardo frontale, su uno spazio finito e raccolto. Il totale è sempre narrazione di spazi e sottolineatura di un vuoto, il dettaglio non è più architettura ma arredamento, sottolineatura di una (passata) presenza.

....

Sono fotografie in assenza di persone, luoghi abbandonati, dimenticati, dove il contrasto tra la storia passata e il decadimento contemporaneo crea un effetto di contrasto e disagio. Di splendore e decadenza. Di ricchezza di passato e di assenza di futuro. Di presenza e insieme di dimenticanza. Sono tutti luoghi segnati dall’incessante lavorio del tempo storico e del tempo meteorologico, luoghi abbandonati e disgregati, destinati prima o poi a essere distrutti. Ma non dimenticati, grazie alle foto. E a volte, grazie anche alle fotografie, recuperati.                                                     tratto da Urbex, storie dei luoghi di Stefano                                                                                                                                                                                                 Vaja (dalla Parte del Torto n. 80, anno XXI

Manuela Arcari

Sono nata e cresciuta a Parma, dove tuttora vivo e lavoro nell’affascinante mondo della carta stampata. A 9 anni ho chiesto di avere in regalo una macchina fotografica e da allora ho sempre amato scattare fotografie per fermare istanti di vita, specialmente nei miei viaggi attorno al mondo, utilizzando sempre la mia fedele compatta che portavo sempre con me. Da un paio di anni mi sono avvicinata al mondo dell’UrbEx, che mi ha affascinato fin da subito. 

Prediligo fotografare dimore abbandonate, dove con fervida immaginazione, penso a come poteva svolgersi la vita degli abitanti. In modo particolare i dettagli che amo di più sono i pertugi creati da porte e da finestre.

Antonio Piazza

Antonio Piazza nato a Parma dove tuttora vivo: i miei primi passi nel mondo della foto- grafia avvengono nel 1982 con una fantastica Mamiya Reflex semi automatica (analogica). Da quel dì sono passate tra le mani una serie di macchine analogiche e digitali più o meno valide, che hanno lasciato l’interesse per la fotografia a livelli basici. La svolta, accade nel gennaio 2013 con l’acquisto della Canon 5D Mark II, non soddisfatto dei risultati partecipo ad un corso base e lì la vera svolta, incontro Francesca che nel gennaio 2015 mi introduce nel fantastico mondo dell’UrbEx. Da quel giorno le mie foto e i pensieri sono rivolti in que- sta direzione, in quanto mi diverte molto e mi riempie di soddisfazioni.

 

Insieme, nell’ambito del progetto Istantanee su un mondo abbandonato, hanno esposto nel 2017 e nel 2018 al Collettivo Limitrofi a Fornovo Val di Taro e a Parma. Con il Manicomio Fotografico con la mostra “Pachamama: La natura si riprende i suoi spazi” hanno partecipato ad esposizioni a Serramazzoni, Fivizzano e allo Spazio Tadini di Milano. Nel 2018 a Bologna e Milano nell’ambito della mostra collettiva “La rivoluzione triste del mondo liquido”.

PER LA VOSTRA SOSTA

Corale Verdi Vicolo Asdente, 9 a  Parma, e potete  venirci a trovare  anche passando dal Parco Ducale Info e prenotazioni 0521/237912

     Trattoria Ronzoni- Via Bruno Longhi, 3 - 43121 Parma Tel. 0521-230146

Ristorante La Forchetta Borgo S.Biagio 6/D – 43121 Parma (mappa) Tel.0521-208812

Ristorante Angiol D'Or a Parma in Piazza Duomo Vicolo Scutellari, 1  Tel. 0521 282632

RISTORANTE OMBRE ROSSE B.go G. Tommasini, 18 – 43121 PARMA Tel.      0521.289575

Ristorante Il Trovatore via Affò n.2 Parma Tel. 0521.236905  (chuso la domenica)

Le Bistro Piazza Garibaldi, Parma tel. 0521 200188

Bar Ristorante-Pizzeria "Al Petitot" Via Torelli, 1/A (davanti allo stadio Tardini) Tel. 0521-235594/22138

Bastian Contrario Str. Inzani 34/A (lat. via D'Azeglio) Parma tel. 3478113440

Caffetteria La Pulcinella P.zza Picelli 13 tel 0521-711708

HighlanderPub Beershop Di Parma via La Spezia 51/a Parma info: 0521 253921

Trattoria Antichi Sapori Str. Montanara, 318 43124 Gaione - Parma  Tel. 0521 64 81 65

Rangon  Trattoria tipica parmigiana ed enoteca

Borgo delle Colonne, 26 tel. 0521- 231019

Trattoria Scarica Via Martinella, 192 - Alberi (PR) - Tel. 339-7439326   info@trattoriascarica.it CHIUSO IL MERCOLEDI’ E GIOVEDÌ 

Trattoria da Romeo

Via Traversetolo 185/a Botteghino di Porporano Parma tel 0521-641167

PIZZA FANTASY  SERVIZIO GRATUITO A DOMICILIO  in Via Spezia, 57 Parma TEL 0521. 257373 

Jamaica pub parma Via Reggio 41/a 43126 Parma0521781357  pizza e hamburger fino a tardi

Forse ti potrebbero interessare:

Categorie

Eventi Fiere, feste e festival Food e locali Mercatini Under 14 Spettacoli e Cinema Cinema Parma Cinema in provincia Spettacoli Musica classica, sacra e lirica Teatro Tornei, Sport, Natura, Animali Cani, gatti e... Trekking e natura Tornei, giochi e sport Arte e Cultura Arte Incontri e libri Mostre a Parma e provincia Mostre in Emilia Romagna Grandi mostre in Italia Mostre in Italia News, corsi e informazioni utili Promozioni e biglietti

Cerca