Ultime News
TRATTORIA SCARICA: nuovo numero di telefono 3397439326 TRATTORIA SCARICA: nuovo numero di telefono 3397439326
<
Settembre 2018
>

Route 77, in bicicletta lungo la via Emilia con Giavannino Guareschi

Sabato 15 settembre 2018 - Domenica 23 settembre 2018
Parma, PR, Italia
Route 77, in bicicletta lungo la via Emilia con Giavannino Guareschi

dal 15 al 23 settembre alla Comunità Betania di Marore. Aperta dalle 17.00 alle 19.00.

 domenica 16 dalle 10 alle 18 orario continuato e ingresso libero

Esposizione di pannelli con foto e testi di Guareschi, del giro in bicicletta che fece nel 1941 lungo la nostra regione, da Piacenza a Rimini, che si rivelerà tra l’altro fondamentale proprio per la scelta dei luoghi in cui ambientare i suoi celebri racconti di Mondo Piccolo e gli immortali personaggi di Peppone e don Camillo. 

15 settembre

Alle 17.00 Presentazione del contenuto della mostra a cura di Egidio Bandini e dei volumi

della nuova serie Don Camillo a fumetti a cura di Davide Barzi. Intermezzi musicali dei Maestri Eugenio Martani e Daniele Donadelli. Ingresso gratuito. 

Per informazioni tel.3480449395.

Route 77, ovvero 77 anni dopo, ripercorriamo il personalissimo “Giro d’Italia” che Giovannino Guareschi fece in bicicletta, limitato al Nord e praticamente effettuato tutto lungo la Via Emilia e il Po (pur iniziando da Milano). Dopo questo viaggio, dal quale era tornato con importantissime scoperte al riguardo, il papà di Peppone e don Camillo spiegava con precisione dove collocare i suoi celeberrimi racconti di “Mondo piccolo”:

«L’ambiente è un pezzo della pianura padana: e qui bisogna precisare che, per me, il Po comincia a Piacenza. Il fatto che da Piacenza in su sia sempre lo stesso fiume, non significa niente: anche la Via Emilia, da Piacenza a Milano, è sempre la stessa strada; però la Via Emilia è quella che va da Piacenza a Rimini.

Non si può fare un paragone tra un fiume e una strada perché le strade appartengono alla storia e i fiumi alla geografia. E con questo? La storia non la fanno gli uomini: gli uomini subiscono la storia come subiscono la geografia.»

In queste poche frasi c’è da notare il diverso trattamento, da parte del papà di Peppone e don Camillo, riguardo il fiume Po e la Via Emilia: mentre il Po comincia a Piacenza, ma solo secondo la visione dello stesso Guareschi, per l’antica strada consolare Giovannino non ha dubbi: dice semplicemente che la Via Emilia è quella che va da Piacenza a Rimini. Punto. Ed è da qui che ci muoviamo anche noi, nel raccontarvi questa storia nuova, ma vecchia di secoli: la storia di una strada che, in realtà, è destinata a diventare, lungo il suo percorso, molto più che una via di comunicazione. La Via Emilia è un simbolo, una leggenda, un mito e, proprio per questo, è esattamente il modo di vivere che caratterizza la nostra regione: l’Emilia-Romagna. Una regione fatta di tante anime, di tanti cuori, di tante magie. Una regione che Edmondo Berselli definiva “Terra di comunisti, motori, musica, bel gioco, cucina grassa e italiani di classe.” Insomma, il ritratto di un sogno, di un’utopia, di un’immagine idealizzata che, come allo specchio, si riflette, tutta, proprio sul nero asfalto della Via Emilia. Un nastro scuro che però, agli occhi di chi lungo questa strada fantastica ci vive, diventa trasparente come l’acqua del fiume, con i tantissimi veicoli che la percorrono a formare una vera e propria corrente, cui abbandonarsi in tutt’e due le direzioni: dal fiume al mare e viceversa.

Accompagnati dai valzer dei Cantoni e da quelli di Casadei, dal salame felinese e da quello romagnolo, dall’Amarcord felliniano e dal Rigoletto di Verdi, dal rombo della Ferrari e dal carezzevole suono delle onde di risacca, dal blu del cielo che si specchia nel Grande Fiume e dall’Adriatico selvaggio che è verde come i pascoli dei monti. Il tutto seguendo, da Piacenza a Rimini o viceversa, le favole di Guareschi: da leggere ma anche da cercare, da ritrovare e da rivivere sotto questo cielo immenso che sta sopra la piana del Po dove, scriveva Riccardo Bacchelli: «La natura spande, attarda.» Un mondo diverso da tutti gli altri, quello della nostra regione perché, diceva Guareschi, «In quella fettaccia di terra tra il fiume e il monte, possono succedere cose che da altre parti non succedono. Cose che non stonano mai col paesaggio.»

Cose come la Via Emilia. Cose come il “Mondo piccolo” di don Camillo e Peppone.

Egidio Bandini

 

Per la vostra sosta

Corale Verdi  Vicolo Asdente, 9 a  Parma, e potete  venirci a trovare  anche passando dal Parco Ducale Info e prenotazioni 0521/237912

     Trattoria Ronzoni- Via Bruno Longhi, 3 - 43121 Parma Tel. 0521-230146

Ristorante La Forchetta Borgo S.Biagio 6/D – 43121 Parma (mappa) Tel.0521-208812

Ristorante Angiol D'Or a Parma in Piazza Duomo Vicolo Scutellari, 1  Tel. 0521 282632

RISTORANTE OMBRE ROSSE B.go G. Tommasini, 18 – 43121 PARMA Tel.      0521.289575

Ristorante Il Trovatore via Affò n.2 Parma Tel. 0521.236905  (chuso la domenica)

Le Bistro Piazza Garibaldi, Parma tel. 0521 200188

Bar Ristorante-Pizzeria "Al Petitot" Via Torelli, 1/A (davanti allo stadio Tardini) Tel. 0521-235594/22138

Bastian Contrario Str. Inzani 34/A (lat. via D'Azeglio) Parma tel. 3478113440 (Pub) 3400047499 (Beershop)  

Caffetteria La Pulcinella P.zza Picelli 13 tel 0521-711708

HighlanderPub Beershop Di Parma via La Spezia 51/a Parma info: 0521 253921

Trattoria Antichi Sapori Str. Montanara, 318 43124 Gaione - Parma  Tel. 0521 64 81 65

Un posto al sole ristorante pizzeria VIALE VITTORIA 43 PARMA (PR) T 0521 207165 facebook 

Rangon  Trattoria tipica parmigiana ed enoteca

Borgo delle Colonne, 26 tel. 0521- 231019

Trattoria Scarica Via Martinella, 192 - Alberi (PR) - Tel. 339-7439326   info@trattoriascarica.it CHIUSO IL MERCOLEDI’ E GIOVEDÌ 

Trattoria da Romeo

Via Traversetolo 185/a Botteghino di Porporano Parma tel 0521-641167

PIZZA FANTASY  SERVIZIO GRATUITO A DOMICILIO  in Via Spezia, 57 Parma TEL 0521. 257373 

Jamaica pub parma Via Reggio 41/a 43126 Parma0521781357  pizza e hamburger fino a tardi

 

 

 

 

Forse ti potrebbero interessare: