Home Eventi Fiere, feste e festival Merende, cene e degustazioni Mercatini Under 14 Spettacoli e Cinema Balletti, ballo e locali Spettacoli Musica classica, sacra e lirica Cinema Tornei, Sport, Natura, Animali Cani, gatti e... Trekking e natura Tornei, giochi e sport Arte e Cultura Arte Incontri e libri Mostre a Parma e provincia Mostre in Emilia Romagna News, corsi e informazioni utili Grandi mostre in Italia Promozioni e biglietti Consegne a domicilio e asporto Cibo a domicilio a Parma Cibo a domicilio in provincia di Parma Spedizioni in Italia di prodotti gastronomici Cibo d'asporto

L’Enigma della partenza di Giorgio de Chirico alla Fondazione Magnani Rocca di traversetolo

L’Enigma della partenza  di Giorgio de Chirico alla Fondazione Magnani Rocca di traversetolo

Giorgio de Chirico  1914

Opera pienamente metafisica, a cominciare dal titolo, in cui ricorrono alcuni dei termini di maggior significato nella teoria e nella prassi dechirichiana: l’enigma, il mistero che la lettura dei filosofi aveva insegnato a scorgere dietro le apparenze più consuete, e la partenza, il momento mitico per eccellenza, quello che trasforma l’uomo in eroe, in errante, in esploratore dell’ignoto. E proprio alla scoperta dell’ignoto, del senso nascosto delle cose mirava la ricerca lucidamente intrapresa dall’artista, teso a cogliere l’identità profonda della realtà circostante che solo si rivela a uno sguardo nuovo – metafisico, ossia capace di andare al di là della realtà fisica – o in una particolare condizione dello spirito. Quella, per esempio, in cui si è compiuta la metamorfosi che ha reso il pittore un veggente nell’episodio fondante del 1910, quando in piazza Santa Croce, a Firenze, era riuscito a restituire «quel forte e misterioso sentimento … scoperto nei libri di Nietzsche: la malinconia delle belle giornate d’autunno, di pomeriggio, nelle città italiane». Vale a dire, il sentimento dei nati sotto Saturno, come la maggior parte dei veri artisti e dei filosofi, e il tempo annunziato da Zarathustra, il «grande meriggio» di cui parla il cantore dell’eterno ritorno. Quelle ore a durata infinita in cui le ombre si allungano come nel dipinto di de Chirico, l’esploratore, il veggente, agli occhi del quale si ordinano le teorie degli archi, si raddrizzano le prospettive dei palazzi e delle strade, si collegano passato presente e futuro nelle forme geometriche dei blocchi di pietra e nel monumento scolpito rivolto verso il mare lontano, memoria che sfida il tempo.

Alla precisione nel disegno e nel trattamento pittorico, delle quali testimonia il dipinto in oggetto, colui che nel 1919 inviterà gli artisti a far “ritorno al mestiere”, giungeva attraverso un metodo di lavoro accurato quanto tradizionale, consistente nella realizzazione di una serie di studi preparatori, variamente completi e perfezionati, al termine dei quali procedeva alla quadrettatura per il riporto della composizione sulla tela.

Per maggiori informazioni sul quadro o sulla Fondazione Magnani Rocca clicca qui

Forse ti potrebbero interessare:

Categorie

Eventi Fiere, feste e festival Merende, cene e degustazioni Mercatini Under 14 Spettacoli e Cinema Balletti, ballo e locali Spettacoli Musica classica, sacra e lirica Cinema Tornei, Sport, Natura, Animali Cani, gatti e... Trekking e natura Tornei, giochi e sport Arte e Cultura Arte Incontri e libri Mostre a Parma e provincia Mostre in Emilia Romagna News, corsi e informazioni utili Grandi mostre in Italia Promozioni e biglietti Consegne a domicilio e asporto Cibo a domicilio a Parma Cibo a domicilio in provincia di Parma Spedizioni in Italia di prodotti gastronomici Cibo d'asporto

Cerca