Home Eventi Fiere, feste e festival Food e locali Mercatini Under 14 Spettacoli e Cinema Spettacoli Musica classica, sacra e lirica Cinema Parma Cinema in provincia Teatro Mostre a Parma e in Italia Mostre a Parma e provincia Mostre in Italia Grandi mostre in Italia Installazioni e mostre all'aperto News d'arte Arte, Cultura e news Arte Incontri e libri News, corsi e informazioni utili Promozioni e biglietti Sport, Natura e Animali Cani, gatti e... Trekking e natura Tornei, giochi e sport MOSTRE NEL NORD ITALIA MOSTRE A MILANO MOSTRE IN LOMBARDIA MOSTRE IN VENETO MOSTRE A TORINO MOSTRE IN LIGURIA MOSTRE IN PIEMONTE E VALLE D'AOSTA MOSTRE IN TRENTINO ALTO ADIGE MOSTRE IN EMILIA ROMAGNA MOSTRE A BOLOGNA

Mostra Il colore dei sogni di VALTER BERNI

Parma
Mostra Il colore dei sogni di VALTER BERNI

“Viaggiare è come sognare: la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato”. Così scriveva Edgar Allan Poe. Per Valter Berni questa calda memoria è anche intrisa di colori, d’emozioni e d’ulteriori sogni. Autodidatta estremamente fecondo, dai primi anni ’60 del secolo scorso e ancor più dopo aver cessato la sua lunga attività di mobili d’arredo e di design, egli s’è immerso nella pittura, affidandosi ai ricordi di soggiorni in luoghi esotici e lontani, rielaborandoli attraverso un raffinato senso del colore acquisito con l’esperienza, così da restituire qualcosa che va ben oltre la visione oggettiva e conduce l’osservatore lontano, in una dimensione senza tempo e spazio, nell’incanto dell’universo. 

 

CHAOS ART GALLERY

Vicolo al Leon d’Oro, 8

Parma

 

“IL COLORE DEI SOGNI di VALTER BERNI” ,

a cura di Manuela Bartolotti, 4-30 giugno 2022, Chaos Art Gallery, vicolo al Leon d’Oro 8, Parma,

Orari: da martedì  a sabato 10:00-12:30 / 16:00-19:00, domenica 16:00-19:00. 

Per info e appuntamenti: 0521.1473924 

info.chaosartgallery@gmail.com.

OPENING: sabato 4 giugno ore 17:00. 

“Viaggiare è come sognare: la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato”. Così scriveva Edgar Allan Poe.

Per Valter Berni questa calda memoria è anche intrisa di colori, d’emozioni e d’ulteriori sogni.

Autodidatta estremamente fecondo, dai primi anni ’60 del secolo scorso e ancor più dopo aver cessato la sua lunga attività di mobili d’arredo e di design, egli s’è immerso nella pittura, affidandosi ai ricordi di soggiorni in luoghi esotici e lontani, rielaborandoli attraverso un raffinato senso del colore acquisito con l’esperienza, così da restituire qualcosa che va ben oltre la visione oggettiva. A volte si avvale di simboli molto semplici, direi archetipici, ma non per questo meno evocativi (la luna, l’idolo, l’onda, il vulcano, il cavallo, la scimmia); proprio come accade nei sogni, restano e riaffiorano elementi chiave per esplorare l’interiorità. E questa interiorità reclama a gran voce, con tinte accese, luminose, vibranti, l’aspirazione profonda alla libertà. In questo senso “Galoppo verso l’ignoto” è quasi una dichiarazione di poetica.

Berni è infatti libero quando dipinge sfuggendo di fatto a tutte le categorie, le regole, le sovrastrutture razionali e prospettiche, accogliendo le suggestioni avanguardistiche di Schifano, fino ad infrangere il tabù del segno e della figurazione. Si spinge quindi a raccogliere tra i suoi ricordi fotogrammi emotivi, attraversando la memoria e riprendendola dall’alto di un drone surreale (Favelas, Fenicotteri rosa, Giardini d’Italia) o percorrendo le vertigini dell’immaginazione per fermare addirittura visioni cosmiche (Formazione di una supernova, gli Ufo ci guardano, Frammenti di asteroide, Galassia in formazione). Berni pare lasciarsi incantare dalla meraviglia dell’universo, affascinare dal mistero della natura così che anche la sua astrazione, materica, corposa, tridimensionale, viene pervasa da questa spinta romantica, da questo gioioso sgomento per il sublime. L’abbandono della forma si traduce quindi in un concerto cromatico, in un inno festoso alla bellezza del cosmo.

L’artista si concede anche sperimentazioni del tutto fuori dal suo solito contesto, come il “Vescovo” dipinto su una porta, con effetto di crettatura e una posa frontale, aulica, stilizzata, tale da rievocare le figurazioni simil-affresco di Campigli, a loro volta ispirate all’antichità etrusca. Tale eccezione, arricchita anche da elementi materici quali la tela di iuta, è indice di un continuo approfondimento dell’artista riguardo ai propri mezzi e alle proprie suggestioni culturali. Berni, come tanti autodidatti, ha imparato osservando, provando, inseguendo le proprie inclinazioni interiori, con libertà e passione.

Nelle sue peregrinazioni vere o immaginarie, ha trovato la spinta per andare avanti, sempre e comunque. E come spesso accade, nei sogni, non ci sono le ombre, ma tinte increspate che affiorano in superficie anche dagli abissi dell’inconscio. Sono i manti del mistero dell’esistenza, delle sue inaspettate favole (La regina e il lupo, La marchesa osserva). Inaspettate però, non casuali. Allora anche il suo definirsi, con troppa umiltà, “pittore per caso” o lo stesso “Autoritratto per caso”, ha di fatto la sua giustificazione e determinazione nella necessità dell’arte, nell’impellenza di creare, di dare un colore al proprio essere, alle proprie speranze, al proprio amore per la vita, in tutte le sue declinazioni. Inevitabilmente, l’autenticità di questo trasporto, la vocazione per nulla casuale di Berni, sono provate dalla capacità di coinvolgere lo spettatore che si va perdendo anche lui in una migrazione senza tempo e spazio, nell’incanto dell’universo, condotto magicamente dal colore dei sogni. 

Valter Berni nasce a Parma nel 1933. Dagli anni Sessanta si occupa di design d’interni e si pone come pioniere del gusto moderno negli ambienti della città, prediligendo una linea minimale e rigorosa. Riesce, tra i primi in assoluto a proporre nelle sue vetrine, pezzi d’arredo allora impensabili per la massa non ancora abituata a certe soluzioni alternative in questo settore.

Dalla fine degli anni Sessanta, in concomitanza con la sua forza propositiva nel design e forse anche da questa spronato, inizia a cimentarsi timidamente in alcune opere pittoriche, con mano ancora incerta. Tuttavia, già s’intravedono alcune influenze tratte da pezzi d’arte e dipinti d’avanguardia che propone nei suoi showroom: sculture di Rivadossi, Cappello, Giacometti e Arnaldo Pomodoro, dipinti di Tadini, Dorazio e Schifano, repertorio costante del suo quotidiano.

Nei primissimi anni ’80 la scelta di tappeti e tessuti Missoni lo porta a contatto diretto con lo studio attento dell’accostamento cromatico e delle varie texture. Il continuo rapporto con le più innovative aziende del settore illuminotecnico gli conferisce la maestria d’”illuminare gli spazi”, studiando con occhio attento le ombre e le variazioni della luce. Queste esperienze si depositano nel suo animo d’artista e, quasi per caso, alla fine degli anni ’90 inizia a desiderare un modo espressivo per lui nuovo che va esplorando con curiosa autoironia. Le sue opere sono in importanti collezioni private. Nell’ultimo decennio ha esposto con successo alla Camera di Commercio di Parma e a TPalazzo. Di lui hanno scritto con lusinghiera attenzione critica: Stefania Provinciali, Anna Poletti Zanella, Amalada Kuca Giani (Rai Storia).

  PER LA VOSTRA SOSTA

Bar Ristorante-Pizzeria "Al Petitot" Via Torelli, 1/A (davanti allo stadio Tardini)

Tel. 0521-235594/22138

Ristorante Angiol D'Ora Parma in Piazza Duomo Vicolo Scutellari, 1  Tel. 0521 282632

RISTORANTE OMBRE ROSSEB.go G. Tommasini, 18 – 43121 PARMA Tel.      0521.289575

Bastian ContrarioStr. Inzani 34/A (lat. via D'Azeglio) Parma tel. 3478113440

HighlanderPub Beershop Di Parma via La Spezia 51/a Parma info: 0521 253921

Trattoria Antichi Sapori Str. Montanara, 318 43124 Gaione - Parma  Tel. 0521 64 81 65

Rangon  Trattoria tipica parmigiana ed enoteca Borgo delle Colonne, 26 tel. 0521- 231019

Trattoria ScaricaVia Martinella, 192 - Alberi (PR) - Tel. 339-7439326   info@trattoriascarica.it

Trattoria da Romeo

Via Traversetolo 185/a Botteghino di Porporano Parma tel 0521-641167

PIZZA FANTASY  SERVIZIO GRATUITO A DOMICILIO  in Via Spezia, 57 Parma TEL 0521. 257373 



 

Parma
Pubblicato il 04/06/2022

Categorie

Eventi Fiere, feste e festival Food e locali Mercatini Under 14 Spettacoli e Cinema Spettacoli Musica classica, sacra e lirica Cinema Parma Cinema in provincia Teatro Mostre a Parma e in Italia Mostre a Parma e provincia Mostre in Italia Grandi mostre in Italia Installazioni e mostre all'aperto News d'arte Arte, Cultura e news Arte Incontri e libri News, corsi e informazioni utili Promozioni e biglietti Sport, Natura e Animali Cani, gatti e... Trekking e natura Tornei, giochi e sport MOSTRE NEL NORD ITALIA MOSTRE A MILANO MOSTRE IN LOMBARDIA MOSTRE IN VENETO MOSTRE A TORINO MOSTRE IN LIGURIA MOSTRE IN PIEMONTE E VALLE D'AOSTA MOSTRE IN TRENTINO ALTO ADIGE MOSTRE IN EMILIA ROMAGNA MOSTRE A BOLOGNA

Cerca